Scrittura e astrologia - i segni di terra


L'uomo appartiene alla terra.
La terra non appartiene all'uomo.
Toro Seduto

I segni zodiacali del Toro, della Vergine e del Capricorno sono tradizionalmente associati a individui stabili e concreti, più razionali che emotivi, anche a costo di risultare un po’ freddi. Sotto l’influsso dei loro pianeti governatori, tendono a prediligere gli studi scientifici a quelli letterari, le attività manuali a quelle creative, con la sola eccezione del Toro, che spesso si dedica alle arti visive o alla cucina di alto livello.
Come ho notato analizzando il tema natale di alcuni amici blogger, quando una persona appartenente a uno di questi segni mostra una propensione per la scrittura, spesso gode di aspetti astrologici importanti che coinvolgono i segni di aria (propensione intellettuale e artistica), di acqua (tendenza all’introspezione), oppure le case III e IX. Una persona dominata dall’elemento terra tendenzialmente sceglie strade diverse, pertanto gli scrittori che ho trovato durante la mia ricerca non sono numerosi, ma molto interessanti.


TORO
Venere in domicilio dona al Toro un profondo desiderio di godersi la vita, una naturale eleganza e un’indole socievole che gli consente di vivere con serenità i propri rapporti sociali. Tali qualità sono accentuate da Giove in esaltazione, che qui espande la propria simbologia di abbondanza e ottimismo.
Nonostante sia pilotato da un costante bisogno di appagamento e soddisfazione, il Toro sa accontentarsi della semplicità, purché gli standard di qualità che ha stabilito siano rispettati. È disposto quindi a pranzare con un’insalatina, ma deve essere biologica e condita con l’olio ligure che ha pagato 50 euro al litro. E se, mentre affetta i pomodori pachino, cade vittima di una delle sue voglie momentanee, manda tutto al diavolo, divora 3 etti di spaghetti ai frutti di mare, poi gongola compiaciuto e fa anche il ruttino. Dieta o non dieta, per lui l’importante è stare bene, fisicamente e psicologicamente: se sa di essere in forma e la vicina gli regala una fetta di tiramisù non se la nega di certo, ma se qualche problema di salute fa capolino all’orizzonte si mette a stecchetto senza troppi piagnistei. In fondo, desidera due cose: essere in pace con il proprio corpo e vivere in un ambiente armonico, ordinato e pulito. Per questo spesso pratica sport, si prende cura della propria abitazione e ha a cuore la tutela dell’ambiente: conosco diversi vegetariani e vegani che appartengono a questo segno, nonché un numero spropositato di ecologisti generici.
Grazia Gironella, almeno per quanto ho potuto osservare in questi due anni di conoscenza virtuale, rispecchia alla perfezione le caratteristiche del segno. Si tratta infatti di una persona molto piacevole, dai modi al contempo educati ed informali, che sa affrontare gli argomenti più disparati senza perdere di vista la qualità che maggiormente mi fa apprezzare i suoi scritti: l’ironia. Ho sempre ammirato sia la sua capacità di smorzare i toni con una battuta scherzosa sia la gentilezza del suo interagire. Inoltre, se non ricordo male, anche lei è un’amante della natura, delle passeggiate salutari, dello yoga e della cucina vegetariana. Per fortuna, sa gestire questo interesse in modo un po’ più soft rispetto al suo collega (scrittore e Toro) Erri De Luca, cui le manifestazioni contro la TAV hanno portato guai legali non da poco.
Per ricollegarci a quanto scritto in sede di introduzione sugli influssi che gli scrittori dei segni di terra ricevono da posizioni planetarie riguardanti altri elementi, l’attività artistica di Seme Nero è sicuramente agevolata da una bellissima presenza di Mercurio nel segno dei Gemelli, che alimenta l’ interesse per la letteratura e per le tematiche intellettuali. Inoltre, il trigono di questo pianeta con il Medio Cielo rende le competenze comunicative di Paolo un importante strumento al servizio dell’ emancipazione individuale, Plutone in III casa favorisce ulteriormente l’espressività e accentua le dote intuitive del soggetto, mentre Nettuno in IV casa può far pensare a un’ereditarietà del talento artistico, rafforzato dal trigono con l’Ascendente. La creatività di Paolo è quindi evidente ma, coerentemente con la natura del Toro, gestita con metodo e senza troppi grilli per la testa: esprimersi per lui non è un’ossessione, ma un sano piacere.
Anche Marina Guarneri ha Mercurio in Gemelli, per di più in V casa (creatività e svaghi): il divertimento è il motore principale della sua scrittura, che si nutre di una sensibilità fortissima portata dalla Luna in Pesci. Anche l’opposizione del Sole a Nettuno fa la sua bella figura: sebbene questo aspetto sia spesso considerato problematico perché spinge l’individuo a distaccarsi dalla quotidianità in modo poco sano, Marina ha dalla propria parte una dominante di valori terra (è Toro ascendente Capricorno e gode di una congiunzione di Giove e Plutone in Vergine) che le consente di scaricare il proprio bisogno di evasione nell’attività artistica, riuscendo così a “fuggire” senza perdere troppo il contatto con il mondo reale.
Cercando in rete, fra gli scrittori del Toro ho trovato solo William Shakespeare e Charlotte Bronte. Tuttavia, anche i filosofi redigono libri, e fra loro posso citare: Niccolò Machiavelli, Immanuel Kant e Carl Marx, il cui concetto di materialismo storico è perfettamente in linea con il pragmatismo del segno.

VERGINE
A causa dei suoi governatori, la Vergine è contraddistinta da una pignoleria al limite della maniacalità.  Mercurio, che fra le varie cose simboleggia la capacità di assimilare informazioni, dona al segno un’energia diversa rispetto a quella che contraddistingue il suo domicilio in Gemelli, in quanto non spinge l’individuo a essere una sorta di tuttologo ma lo fa interessare a pochi argomenti, che vengono sviscerati nel dettaglio. Inoltre, Urano in esaltazione fa in modo che quanto appreso possa trovare un’applicazione pratica immediata. La Vergine non studia per amore del sapere, ma per acquisire competenze. È un segno concreto, tecnico, veloce, che vuole comprendere e riordinare ciò che già esiste anziché creare qualcosa dal nulla come fa l’Acquario, altro segno uraniano. Tale combinazione di pianeti, salvo altre indicazioni del tema natale, rende l’individuo piuttosto propenso per gli studi scientifici e per tutte le attività che richiedono spiccate doti analitiche.
Fra gli scrittori del segno, J.W Goethe era uno scienziato. Giovanni Verga e Andrea Camilleri, entrambi siciliani, hanno sempre mostrato, seppur in secoli diversi, la volontà di far conoscere al lettore le condizioni della terra in cui sono nati: nonostante un atteggiamento spesso critico, il loro modo di scrivere pare mosso più dalla volontà di comprendere che da quella di contestare. La filosofia di Hegel è stata così innovativa da trasformarsi in un vero e proprio movimento, pur senza porsi in conflitto con l’illuminismo allora dominante ma rappresentandone la naturale evoluzione. Allo stesso modo, Tiziano Terzani è riuscito ad avvicinare gli italiani alle filosofie orientali senza farsi contestare dalla Chiesa, mentre  Cesare Pavese e Agata Christie sono diventati dei classici grazie alla semplicità della loro prosa.
Ci sono diversi lettori del mio blog che appartengono al segno della Vergine (ringrazio Veronica Galazzi, Isabella Valerio e CogitoErgoLeggo, che si sono sempre interessate ai miei post) ma qui voglio parlare dei due che conosco meglio: cos’hanno in comune Marco Freccero e Maria Teresa Steri?
Innanzi tutto, i loro blog presentano una grafica molto sobria. All’inizio entrambi scrivevano su un semplice sfondo bianco, poi hanno deciso di portare un po’ di colore, pur mantenendo l’intento di attirare l’attenzione sulle loro parole e non sulla vetrina che le espone. Anche il loro aspetto, come emerge dalle foto di presentazione, è rassicurante, genuino. Lei ha un look acqua e sapone che le fa dimostrare un decennio in meno, lui mi ricorda tanto alcuni colleghi ingegneri. E i loro post sono semplici e chiarissimi, perché l’ideale di perfezione della Vergine non contempla il ricorso a barocchismi.  
Diverse volte, nel ruolo di beta-reader, mi sono trovata a dire a Maria Teresa: “Mettila, qualche parolaccia, soprattutto quando parlano i delinquenti, che è più realistico”, ma lei non cede mai. Tuttavia, forse a causa dell’ ascendente in Scorpione, segno affascinato dall’oscurità, scrive opere a tinte fosche. Inoltre, la posizione di Nettuno (in prima casa e sempre in Scorpione) rafforza il suo interesse per la spiritualità e l’occulto, non per altro, al proprio romanzo Bagliori nel Buio ha assegnato l’etichetta di noir-esoterico, secondo me perfettamente coerente con il suo quadro astrologico.

CAPRICORNO
Se devo essere sincera, con questo segno ho avuto qualche problemino in passato, perché ha un modo di agire troppo lontano dalla mia sensibilità: non sono una persona competitiva, ma questi individui mi coinvolgono sempre in una guerra che perdo miseramente, perché non me ne frega un tubo di combattere contro di loro, io voglio solo essere lasciata in pace.
Saturno in domicilio dona al segno rigore e perseveranza, quasi al limite dello stakanovismo. Tali qualità sono amplificate dal co-governatore Urano e dalla sua capacità di cogliere al volo le occasioni, concretizzare i progetti, dare forma e struttura alle idee. Se ci si limitasse a questo, probabilmente la mia comunione di intenti con il segno sarebbe maggiore, ma Marte in esaltazione cambia le carte in tavola: in compagnia degli altri due astri, il pianeta rosso perde sia l’impulsività dell’Ariete sia la lucidità dello Scorpione, per diventare metodico e spietato. Non si ferma davanti a nulla e procede verso la meta calpestando qualunque cosa gli si pari davanti (con una particolare predilezione per i cadaveri dei colleghi) perché ha in testa solo il proprio obiettivo, da raggiungere a ogni costo: il detto, che ormai sappiamo non essere di Machiavelli”, “il fine giustifica i mezzi” sembra scritto apposta per lui.
In generale, su questo segno ho poco da dire perché ha dato alla luce un numero esiguo di scrittori. La sua costellazione fa nascere più scienziati, imprenditori e politici, in poche parole persone che maneggiano i numeri o, al massimo, le notizie: Jack London e John Kipling, per esempio, sono nati professionalmente come giornalisti e diventati autori di narrativa solo in un secondo momento. Ciò nonostante, gli autori del segno sono decisamente ambiziosi. Roberto Costantini, dirigente dell’ Università Luiss di Roma, ha esordito con un’opera di ampio respiro, la Trilogia del male, di cui ho parlato in questo post, mentre Tolkien...beh… direi che ci arrivate da soli!
Tra i blogger, invece, posso citare Darius Tred, che conosco solo attraverso qualche commento: troppo poco, per inquadrare la sua personalità. Spero comunque che abbia gradito questa sintetica descrizione.  

Il lancio della patata bollente.
Nonostante la fatica di questo luglio, tenevo molto a pubblicare l’ultimo post dedicato ai segni zodiacali prima della pausa estiva. Sono davvero felice per l’interesse destato da questo argomento sconosciuto ai più, quindi è possibile che in futuro si ritorni a parlare delle energie di stelle e pianeti. Per esempio, mi piacerebbe condividere con voi uno studio sui gemelli astrologici, ovviamente con riferimento alla letteratura: che ne dite, vi potrebbe piacere? E quale descrizione astrologica avete trovato più rispondente alla realtà delle persone che conoscete

LE PUNTATE PRECEDENTI
Scrittura e Astrologia - introduzione
Scrittura e Astrologia - i segni d'aria
Scrittura e Astrologia - i segni di fuoco
Scrittura e Astrologia - i segni d'acqua

Commenti

  1. Molto belle le descrizioni delle varie caratteristiche. Non avendo alcuna conoscenza in questo ambito posso solo apprezzare l'esposizione e il tocco letterario, al massimo riconoscere i tratti che caratterizzano alcuni autori che hai citato. Molto bello, tra tutti, il ritratto di Marina, ma il mio giudizio è di sicuro artatamente pilotato dalla stima che ho verso questa ragazza della Trinacria :D
    Sicuramente leggendo tutto si percepisce il lavoro immane che c'è dietro un post del genere. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questo tuo commento, Max, mi hai fatto un bel regalo. Grazie per la stima assolutamente ricambiata. :)

      Elimina
    2. Purtroppo mi rendo conto che questi post possono essere difficili da comprendere per chi non è avvezzo all' argomento. Io so di aver spiegato tutto nel post di introduzione, ma non posso dare per scontate le conoscenze dei lettori, anche perché è passato tanto tempo da allora. Però se qualcuno vuole approfondire sono assolutamente a disposizione. :)

      Elimina
  2. In realtà io non ho alcuna propensione per le materie scientifiche, anzi! Sul resto direi che ci siamo. Pignolo? Una volta di più, ormai mi sto incamminando, mestamente, sul viale del tramonto e perdo colpi... :)
    Ma l'aspetto che più mi inquieta: sul serio sono rassicurante? E io che speravo di intimorire e disturbare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come no? Sbaglio o sei un informatico di professione? Magari mi confondo con altri Blogger...
      Ciò che scrivi sulla pignoleria mi offre l'assist per ribadire che gli astri non determinano nulla, perché il carattere delle persone è sempre in evoluzione, e ogni potenzialità è poi plasmata dalle esperienze. :)

      Elimina
  3. Bello Chiara! L'astrologia mi ha sempre affascinato, ma è sempre rimasta un grande mistero. Le tue spiegazioni rischiarano un po' la nebbia che mi circonda al proposito, quindi grazie a te. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere! :-)
      Sai che puoi chiedermi tutto quello che vuoi. A me piace molto fare lezione: sono bilancia ascendente sagittario. :-D

      Elimina
    2. Quindi posso chiederti cosa ne pensi del mio tema natale...?
      Mi piace la tua sensibilità, sarei curiosa di sapere cosa ci vedi.

      Elimina
    3. Certo! :)
      Non posso assicurarti assoluta puntualità, ma mandami pure i dati.

      Elimina
  4. Mi riconosco in tutti gli aspetti del Toro, tutti! Del resto il mio tema natale parlava chiaro e, devo dire, mi sono sorpresa nel riconoscere che certe coordinate tra pianeti e segni descrivono la mia persona alla perfezione.
    Un grande lavoro, Chiara, complimenti! Sei sicura che nella vita volevi essere soltanto una brava scrittrice?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se devo essere sincera non mi piacerebbe essere un'astrologa professionista perché purtroppo molte persone chiedono consulti perché, essendo in uno stato di sofferenza, vogliono sapere cosa accadrà loro. Il mio approccio come sai è molto diverso, e preferisco giocherellare fra noi. Comunque mi fa piacere che queste indagini ti piacciano. Appena possibile mi occuperò di quella di Luca. :)

      Elimina
  5. Finalmente anche il Toro! ...e confermo la propensione alla buona cucina!

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuto! ;)
      Contenta che tu abbia gradito.:)

      Elimina
  6. Con il francese (che non conosco e che meno ancora so pronunciare), mi vien da dire: Ansciantè! :-D

    Incantato dal post, dal lavoro notevole che ci sta dietro, dall'esposizione stilisticamente accattivante.
    Mi fai fare la figura del bel tenebroso (binomio di aggettivi che si potrebbero smentire facilmente, a partire soprattutto dal "bel") solo perché sono unico (nel senso: al momento sembra che io sia l'unico capricornuto che conosci, bloggamente parlando...). E anche "tenebroso" non mi si adatterebbe: diciamo che nella vita reale, chi mi conosce, non pensa subito a me quando qualcuno domanda "Dimmi il nome di una persona estroversa!"...
    Però sono uno che, una volta rotto il ghiaccio, è fatta, non sono più tenebroso...

    Che dire? Confermo che in questi ultimi mesi ho commentato poco, ma ho letto sempre. Del resto, essendo il tuo blog nella mia blogoteca personale, la garanzia di lettura è prossima al 99%.

    In merito ai tratti tratteggiati riconosco di riconoscermi :-D. In ampia parte. Ad esempio quando dici che la mia costellazione ha visto la nascita più di scienziati, imprenditori e politici. Ebbene: non sono né scienziato, né imprenditore, né politico ma sono attratto da scienza, imprenditoria e politica e maneggio (diciamo meglio: cerco di maneggiare) tutte le materie che vi ruotano attorno, sia nella lettura, sia nella scrittura.
    Nella vita direi che, sì, sono metodico e tendo molto a concretizzare (sono analista informatico...). Dalle mie parti, il detto tipico da Milanese Imbruttito è "Veniamo al dunque" oppure "Cerchiamo di quagliare"... :-D

    In merito alla sensibilità, non ho ben capito, comunque io sono sensibilissimo e osservo molto, moltissimo (diciamo che forse ho una sorta di deformazione professionale: analista di lavoro e analista nelle cose della vita...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sensibilità individuale non dipende tanto dal segno in cui si trova il sole quanto da quello in cui si trova la luna, quindi non mi sono mai permessa di dire che un segno di terra è insensibile, ma che è molto concreto e, salvo altre posizioni del tema natale, tende a reprimere le proprie emozioni. Dunque, stando a quanto dici sulla tua grande sensibilità, opterei per una luna d'acqua, o per un tema natale con tanti valori in questo elemento... chissà! :)

      Elimina
    2. P.s. ho abitato a Milano 12 anni quindi conosco bene le espressioni imbruttite. Aggiungerei:"dalle 8 sono di nuovo operativo!":-D

      Elimina
  7. Ciao Chiara,

    È la prima volta che commento, ma ti seguo da più di un anno ormai. Innanzi tutto, complimenti per il blog. Non sono una scrittrice, né un'autrice (non scrivo manco la lista della spesa e devo dire che quando prendo in mano la penna per firmare soffro un po' di ansia da prestazione), ma amo leggere e seguo volentieri molti blog inerenti alla scrittura e tu hai un bel modo di esporre e affrontare gli argomenti, è un piacere leggerti.
    Ammetto però che quando hai deciso di parlare di astrologia all'inizio ero molto scettica. La verità è che sono scettica di natura, non del tipo "quello che stai dicendo sono tutte boiate", ma già la mia maestra delle elementari mi chiamava San Tommaso, perché "se non vedo, non credo". In ogni caso, il tuo approccio quasi "scientifico" all'argomento è interessante e ho letto volentieri tutti i tuoi post, aspettando con impazienza quello riguardante i segni di terra.
    Però, non so...
    È vero, sono concreta e razionale, ma anche molto emotiva (ti concedo che sono un po' squilibrata di mio e può non dipendere dal segno ;) ).
    Ho frequentato il liceo scientifico solo perché i miei genitori mi avevano detto che se avessi fatto l'artistico sarei finita a vendere quadri in via Garibaldi e appena ho avuto modo di prendere da sola le mie decisioni ho optato per studi più creativi. Sono molto appassionata di arte, mi piace disegnare, amo la musica, insomma ogni forma artistica è ben accetta.
    Non sono competitiva, ma proprio zero (ho smesso di fare nuoto agonistico quando ho capito che quell'"agonistico" implicava partecipare a gare) e, oddio, non mi pare di aver mai calpestato nessuno, d'accordo che sono un po' miope e forse non ho notato che quella cosa morbida che sentivo sotto i piedi in realtà era un corpo, però, davvero, di solito mi succede il contrario. Il fine non giustifica i mezzi, mai.
    Metodica? Mmmh, forse negli intenti, ma nei fatti non so... Stakanovista? Ah, ah! Grasse risate! ;)

    Sì, sì, sono capricorno.
    Ascendente capricorno.
    Non una bella descrizione la tua :-P

    Tutto questo per dire cosa? boh, non lo so, parole a caso, credo. Però, se vuoi, alla lunga lista di "pregi" puoi aggiungere che noi con la coda di pesce e la faccia da capretta siamo un tantino permalosi ;)

    Daria

    PS.: mi sembra abbastanza chiaro dal tono del post, che non mi sono offesa, ma dato che non ci conosciamo preferisco sottolinearlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daria,

      per prima cosa, benvenuta: è sempre un piacere quando un lettore anonimo si rivela, e spero che commenterai ancora, anche se ho parlato "male" del Capricorno. In realtà, è il segno della mia adorata nonnina e di una mia carissima amica, quindi il fatto di essermi "scornata" con un paio di voi non significa nulla. :-)

      È inoltre assolutamente possibile che una persona non si rispecchi nel proprio segno zodiacale, per due motivi:
      1) il tema natale esprime delle potenzialità ma non determina nulla: per esempio,il mio parla di un'ottima mira, e ho alcuni aspetti presenti nel quadro di molti campioni in sport di precisione, però ho seguito un'altra strada, limitandomi a far canestro nel cestino della carta straccia...
      2) le caratteristiche del segno zodiacale possono essere completamente smentite da altri aspetti astrologici. Spesso Mercurio e Venere capitano nello stesso segno del sole rafforzandone le caratteristiche, talvolta ci sono altri pianeti a mandare i propri influssi, oppure nessuno. In tal caso la persona può esprimere pochissime caratteristiche del proprio segno zodiacale e possederne delle altre. Questa cosa si è verificata di recente con una lettrice dell'Ariete. Non si rispecchiava nella descrizione da me fatta, così ho guardato il suo tema Natale, scoprendo che i segni d'acqua la facevano da padrone. Successivamente, quando ho pubblicato il post dedicato a Cancro, Scorpione e Pesci, ci si è ritrovata un po' di più.

      Leggendo ciò che scrivi, penso che potresti avere valori importanti in altri elementi, per esempio un Mercurio acquario o sagittario, magari anche in congiunzione a Nettuno, che è stato in Sagittario dal 1970 al 1984... però l'ho buttata lì a intuito: se ti va mandami i dati, anche in mail, che ci guardiamo. :)

      Elimina
    2. Non so se commenterò ancora, forse sì, ora che si è rotto il ghiaccio. Sicuramente continuerò a seguirti e non vedo l'ora di leggere il tuo romanzo (il brutto di avere un blog è che ormai mi hai riempita di aspettative; il bello è che, leggendo i tuoi post, sono quasi certa che non verranno deluse).
      Comunque, se a te interessa ti mando i miei dati. Non conoscendomi sarà ancora più interessante sentire cosa deduci dal mio tema Natale, magari stronchi definitivamente il mio scetticismo :)
      Delle altre cose che scrivi ti credo sulla parola, ho provato a informarmi quando hai pubblicato il primo post sull'astrologia, mi avevi incuriosita, ma sono state letture veloci e per niente approfondite. Pensa che un mio amico non molto tempo fa mi aveva detto che il segno zodiacale è come appari, come dici le cose, e l'ascendente è come sei, quello che pensi realmente, che nel mio caso poco importava, ma gli avevo creduto e mi sembrava plausibile. Questo ti fa capire a che livello fosse la mia conoscenza sull'argomento (o forse il suo era solo un modo carino per dirmi che mi manca il famoso filtro tra il cervello e la bocca, chi lo sa? ;) ).

      Comunque ti manderò i dati via mail. Ti serve anche l'ora e il luogo di nascita, giusto?

      Daria

      Elimina
    3. Riguardo ciò che ha detto il tuo amico, mi viene da dire: "ni". Ciò che dice può anche avere un fondo di verità, ma la situazione è molto più complessa.

      Il segno zodiacale rappresenta la base energetica del carattere, che arriva dalla posizione del sole, a sua volta legata al ciclo stagionale. Ha molto a che fare con ciò che di noi decidiamo di mostrare agli altri, ma non si tratta di "apparenza", ma solo degli aspetti caratteriali che per noi è più facile esprimere.
      L' Ascendente invece indica la cuspide della prima casa, che è la casa della personalità e dell'espressività individuale, quindi si pone a un livello ugualmente profondo.
      Secondo me quindi è incompleto dire che "il segno è come appari, e l'ascendente è come sei", perché i significati si compenetrano, e perché bisogna considerare il tema Natale nel suo complesso, al di là di ogni generalizzazione.
      Sì, i dati che mi servono sono quelli.
      Spero di riuscire a risponderti tempestivamente. :-)

      Elimina
  8. Che bello che mi conosci così bene ^_^ E che sei andata oltre la "pignoleria maniacale" con la quale di solito contraddistinguono noi Vergini :)
    Brava per questi tuoi post così approfonditi, spero che ce ne saranno altri, anche se comprendo tutto il lavoro che c'è dietro, di documentazione e analisi.
    Però come hai parlato male dei poveri Capricorno... dai non sono tutti così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS comunque non è vero che non ti ascolto!! Ho fatto diverse aggiunte di parolacce nella versione definitiva di Bagliori!

      Elimina
    2. Non ho ancora letto la nuova versione perché volevo far passare almeno un anno da quando ho letto la prima... e ci stiamo arrivando! :-D sono comunque contentissima che il post ti sia piaciuto! :)

      Elimina
  9. Grazie di questi post, deve essere stata una bella lavorata prepararli.
    Sì, io leggo volentieri anche i gemelli astrologici, se ti andrà di scriverne.
    Non so per gli altri ma come avevo già detto nel mio caso ci hai preso in pieno e la scrittrice bilancia che mi hai consigliato, Charlotte Link, mi è piaciuta un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere. :)
      Anche a me sono sempre piaciuti i suoi libri.

      Elimina
  10. I post astrologici sono stati davvero molto belli e hai fatto davvero un grande lavoro, complimenti Chiara. Anche nei segni di terra ho riconosciuto molte caratteristiche (tra amici e parenti ne conosco un po').

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio!
      Mi sono divertita molto. :)

      Elimina
  11. Bello bello! Mi ci ritrovo bene, anzi, sembro pure bravo, quindi grazie :D
    E sono in ottima compagnia!

    RispondiElimina
  12. sono parecchio onorata di essere dello stesso segno di Shakespeare e della Bronte...
    i tratti distintivi del toro, in me sono mitigati dall'ascendenza con il leone, che mi da ancor più testardaggine e determinazione... due tratti distintivi di un'aspirante scrittrice, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuramente tratti utili per un'aspirante scrittrice anche se la combinazione mi fa pensare a un attore o un fashion addicted. :)

      Elimina
  13. Toro? Presente! :) Grazie delle righe che mi hai dedicato, e soprattutto grazie di vedermi così (lo so, non ha molto senso). La tua descrizione mi calza davvero a pennello. Mi hai anche fatto tornare voglia di partecipare alla mischia, che un po' mi manca, perciò grazie! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se decidi di tornare sei la benvenuta. :) mi fa inoltre davvero molto piacere che il post ti sia piaciuto!

      Elimina
    2. Se decidi di tornare sei la benvenuta. :) mi fa inoltre davvero molto piacere che il post ti sia piaciuto!

      Elimina
  14. Un giorno scoprirò perché gmail ha deciso che la newsletter del tuo blog debba essere una promozione...
    Comunque, mi riconosco abbastanza nella descrizione della vergine. Sono pignola al limite della maniacalità e talvolta tendo a eccedere e a superare quel limite. Sono esigente in qualsiasi ambito e, fortunatamente, il mio ragazzo (toro) sa essere molto paziente (al massimo ricambia con qualche battutina al vetriolo).
    Studio per utilità, vero. L'unica cosa in cui non mi riconosco è il non essere una tuttologa. Mi spiego meglio. E' vero che tendo a studiare qualcosa in maniera approfondita, fin nel più piccolo dettaglio, ma studio centinaia e centinaia di argomenti differenti contemporaneamente. In questo, però, credo che l'ascendente in gemelli eserciti una qualche influenza, aiutato da una memoria molto particolare che possiedo e che mi consente di ricordare a lungo termine anche quei testi che ho letto una sola volta (a scuola è sempre stato molto utile).

    Ti ringrazio per questa interessante serie di post. Complimenti ancora! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami se ti rispondo in ritardo, ma ero già in vacanza e ho visto il commento solo ora. :-) Sicuramente l'ascendente gemelli (segno anch'esso dominato da Mercurio) è molto curioso sul piano intellettuale e aumenta la propensione a interessarsi di argomenti disparati. Per avere un'idea completa, però, bisognerebbe vedere anche la posizione di Mercurio, il pianeta dei processi mentali e degli studi. La buona memoria (che ho anche io) potrebbe essere legata invece alla posizione di Saturno, magari in relazione a Mercurio stesso o alla luna. Se vuoi ci guardiamo. :)

      Elimina
  15. Donna Toro con ascendente bilancia (se non ricordo male) e mi ritrovo in molte di queste caratteristiche...difficilmente rinuncio al tiramisù, ancor più difficilmente alla pizza 😊 ma quale sia il lavoro adatto a me..ancora non lo so..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Toro e Bilancia hanno lo stesso pianeta governatore, Venere, quindi stanno bene insieme, uniscono l'attenzione per i piaceri della vita a quelli per l'estetica, quindi immagino una persona elegante e curata, socievole e disponibile nei confronti degli altri. Immagino anche (se non ci sono indicazioni avverse nel tema natale) una cura maniacale per il make-up! :-D

      Elimina
    2. Io amo il make up ma lo curo solo se esco la sera...Non mi chiedere perché 😂

      Elimina
    3. Io amo il make up ma lo curo solo se esco la sera...Non mi chiedere perché 😂

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Letture che ispirano - La trilogia del male di Roberto Costantini

Freedom writers - il valore della scrittura di getto

Con le mani nei capelli - manuali e guest-post

La descrizione fisica dei personaggi

Scrivere un romanzo - portare a termine la prima stesura

I miei anni '90

La volontà di essere un Jolly

Lo scrittore da Mc Donald - snobismi letterari e dintorni

Scripta manent - Il viaggio invisibile delle parole

La voce del Jolly #1 - Davide Laura, dalla strada alla Scala