Post

La resistenza del Jolly

Immagine
Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze  perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero  senza piegarsi ai condizionamenti. (Charlie Chaplin)
(Non sai chi è il Jolly? Leggi qui
Oggi è il 25 aprile. Si festeggia una ricorrenza storica importantissima per l’Italia. Ma il popolo dei social la banalizza. Come sempre. Si vedono foto di pugni alzati, falci e martelli, immagini del duce appeso per i piedi. E poi, si leggono aforismi. Scritti da chiunque. Anche da persone che con la Resistenza non c’entrano una benemerita perché sono nate secoli prima, o decenni dopo. In fondo in rete la lettura è sempre superficiale, nessuno si accorge della pochezza dilagante. E ai suddetti influencer importa ben poco del proprio messaggio: l’importante è mantenere il culo ben saldo nella vetrina dei social.
Io sono una mina vagante. Come sempre, me ne lavo le mani di frasi fatte e pensieri politically correct. Oggi non è un giorno come gli altri, …

La mia vita creativa

Immagine
Adoro gli esperimenti folli. Li faccio in continuazione. (Charles Darwin)
Lo so: sono sparita. Illustrarvi le ragioni di questa mia defezione (sempre che ci siano: più cerco spiegazioni, più mi sembra di affogare nel caos) sarebbe troppo lungo. Dico soltanto che esiste un limite oggettivo al numero di progetti e di propositi che una persona può portare sulle spalle. Quando si vuole strafare, i casi sono due: o si impazzisce, oppure si deve necessariamente sacrificare qualcosina per tutto il tempo che serve a ritrovare le forze. Per mesi mi sono appoggiata alla soluzione numero uno. Poi, ho capito che devo affrontare la vita con un po’ più di calma, smettere di giudicare me stessa e posare un mattone alla volta su quel cantiere aperto che, spero a breve, diventerà la residenza del mio futuro.
La panoramica sulla mia esistenza che in questa domenica grigia ho deciso di offrirvi non serve solo a condividere con voi le tappe del mio percorso, ma anche a fare chiarezza sulle mie priorità, a c…

La voce del Jolly - Silvano e l'anestesia dell'anima

Immagine
Questo post è già stato anticipato la scorsa settimana, quindi non voglio dilungarmi oltre a dirvi chi è il mio ospite: se avete perso la puntata precedente, eccola qui
Non sempre ho fortuna, quando chiedo a qualche lettore di scrivere un guest-post, senza sapere se ne sia effettivamente in grado. Con Silvano, però, le mie capacità intuitive non hanno fallito. Mi è piaciuta, soprattutto, la sua riflessione sull'archetipo del Jolly e sul suo lato ombra, perché dimostra che i miei spunti sono stati personalizzati e reinterpretati.  L'obiettivo dei miei post sul Jolly, è proprio questo. Non ho mai voluto far cadere insegnamenti dall'alto, ma proporvi contenuti, che potete accogliere o rifiutare, ma mai vanno assorbiti passivamente. Se così fosse, non sareste tanto diversi dai nani che critico, scatole vuote dentro cui il sistema può infilare qualunque contenuto. Ma io non sono il sistema. Sono una persona come voi, quindi fallibile. Una persona che riversa in ogni sua parola…

La gassosa purpurea - proposta ai lettori

Immagine
Quando una cosa è negativa, tienila per te; quando è positiva, condividila. (Osho)

Ormai tutti voi avete compreso non solo cosa sia la gassosa purpurea per Jostein Gaarder, ma anche la mia personale interpretazione di questa metafora. La mia decisione di contestualizzarla è stata molto utile, sia per me sia per voi, per comprendere meglio la nostra realtà e le strategie (ideologiche, psicologiche, mentali e sociali) che creano un’illusione di protezione ma non fanno altro che separarci da noi stessi. Quindi, ho deciso di farvi una proposta creativa. Prima di entrare nel merito, però, voglio fare un passo indietro e spiegarvi come sia nata quest'idea.
Subito dopo aver pubblicato il mio post sul senso di colpa, ho ricevuto su Facebook un messaggio di un ragazzo pugliese di ventisette anni, Silvano, che segue la serie del Jolly con interesse. Mi domandava se avessi voglia di dedicare un post alla sua esperienza. 
In particolare, scriveva:
Dunque il tema che vorrei affrontare poiché tocca p…

Il Jolly e la Gassosa Purpurea - Il senso di colpa

Immagine
Non c’è problema così terribile  a cui non si possa aggiungere un po’ di senso di colpa  per renderlo ancora peggiore. (Bill Watterson)
(Non sai chi è il Jolly, chi sono i Nani e così la Gassosa Purpurea? Leggi qui)

Siccome nell’ultimo periodo sono arrivati tanti nuovi lettori, è necessario ricordare cosa sia la gassosa purpurea, nel romanzo L’enigma del Solitario di Jostein Gaarder.
Dopo aver adattato il concetto ai miei post sul Jolly, la descrissi così:
[La gassosa purpurea] rappresenta tutto ciò che distoglie l’individuo dalla sua vera natura, distrugge la sua creatività e lo sintonizza su basse vibrazioni.
Con il proposito di analizzare tutti gli “ingredienti” di questa bevanda infernale, ho quindi parlato di religione istituzionalizzata e di conformismo, due argomenti che mi sono serviti da apripista per introdurre una delle emozioni su cui il Sistema fa leva per generare nei Nani senso di inadeguatezza. Quest’emozione si lega sia alla religione (perché l’idea di “peccato” e la paur…