Comunicazione ai lettori: le novità del blog, attuali e future



Scrivo questo post estemporaneo per darvi una breve comunicazione: per motivi in parte pratici ed in parte legati alle dinamiche sociali che ruotano intorno al blog, d’ora in poi non lo aggiornerò più alla domenica e al mercoledì, bensì al lunedì e al giovedì.
Purtroppo gli impegni legati al mio lavoro ed al mio romanzo non sempre mi consentono di preparare i post con largo anticipo, soprattutto durante la settimana. Anche per questo motivo, inizialmente, pubblicare di domenica mi sembrava un’ottima soluzione in quanto avevo più tempo a disposizione e la mente leggera. Potersi aprire alla creatività senza essere costretto a rimanere incollato all’orologio è il regalo più bello, per uno scrittore.
Tuttavia, mi sono resa conto che durante il weekend molte persone stanno lontane da pc e da smartphone. I post domenicali sono letti in prevalenza al lunedì. E se anche io – come è accaduto ieri – decido di muovermi da Sanremo rischio di trovarmi la sera tardi a sbarellare davanti allo schermo. Con questa nuova scelta, avrei un po’ di tempo e di respiro in più e riuscirei ad organizzare meglio i miei tempi, ad esempio scrivendo il post nel weekend e modificandolo il lunedì, prima della pubblicazione. 

Questa non è l’unica novità: da una settimana, Appunti a Margine ha anche una fan-page su Facebook, che trovate qui. Esisterà anche un indirizzo email dedicato, non appena avrò capito come integrare i miei diversi account. All’interno del blog, saranno presto aperte due nuove pagine, alle quali sto lavorando. Una di esse conterrà una raccolta degli aforismi sulla scrittura che ho utilizzato (ed utilizzerò) per introdurre i vari articoli. La seconda, si occuperà del guest-posting fornendo, a chi desidera collaborare, tutte le informazioni necessarie per la definizione e la stesura degli articoli.

Mi piacerebbe inoltre proporre dei sondaggi per far decidere a voi gli argomenti di uno dei due post settimanali, ma devo ancora capire come organizzare l'idea e, soprattutto, se può funzionare. Sto anche valutando se le anticipazioni che fornisco, prima di pubblicare il post, sono utili per incuriosire ed attirare i lettori, oppure non servono a nulla se non a vincolare me che, a volte, vorrei cambiare argomento all’ultimo minuto ma non voglio tradire la promessa fatta. Infine, sto studiando nuovi temi grafici: il rosa mi piace molto e mi rispecchia, ma a volte temo che il mio blog, dedicato alla scrittura, possa essere scambiato per una pagina di consigli sentimentali. Mi domando se non sia un po’ troppo femminile.

Insomma: Appunti a Margine è un cantiere aperto. Sta crescendo pian pianino ed il mio obiettivo è renderlo il più possibile a misura di lettore, pur senza travisare il mio stile o la mia personalità. Proprio per questo motivo, vorrei ascoltare anche la vostra opinione su quanto appena scritto, nonché i vostri consigli e suggerimenti per rendere questo spazio ancora più interattivo ed interessante.

Approfitto di questo post anche per dirvi GRAZIE: sono online da otto settimane e gli accessi crescono, giorno dopo giorno. I timori che avevo prima di inaugurare questo spazio si sono rivelati infondati. Questo successo mi lusinga e mi commuove.

Commenti

  1. Chiara, in estate il blogging cambia per forza di cose... come hai visto, anche io rivedo un po' il tutto.
    Lasciare il tutto molto free e aperto è la soluzione migliore :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io vorrei mantenere le due giornate perchè ho bisogno di autodisciplina, però mi rendo conto che al weekend è un po' difficile visto che ho una brutta malattia: sono "spiaggiomane". Vivo in una località marittima, ma lavoro tutta la settimana. Uff...

      Elimina
    2. Eh, e fai bene,,,, dopotutto è estate!! :)

      Moz-

      Elimina
    3. Concordo con Moz! Dopotutto è estate! Rilassati, svagati, "spiaggiati" e quando hai tempo voglia e ispirazione, scrivi sul blog! ;-)

      Elimina
    4. Ciao! Benvenuta e grazie per il tuo commento. :)
      Il blog è ancora neonato, dunque in questa estate cercherò di mantenere il giusto equilibrio fra lo svago in spiaggia e quello al pc... in fondo, anche scrivere è un divertimento!

      Elimina
  2. Personalmente trovo sia bello lo sfondo a macchie che gioca con le sfumature del rosa, non mi ha mai dato l'impressione di qualcosa di sentimentale... forse suggerisce alla mente un tocco di femminilità, ma quella non guasta ;-.) Comunque sentiti libera di cambiare come senti e credi sia meglio, anche la programmazione dei post. Noi passiamo a leggerti comunque ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me il tema piace. Fra le opzioni di blogger, era quello che meglio mi rispecchiava. Dopo tutto sono filosofica, romantica, un po' astratta, proprio come questo tema. E sono anche donna, quindi ci sta ;) Per il momento mi sa che lo tengo. In futuro si vedrà. Per la programmazione, vedo se scrivendo al lunedì e al giovedì mi trovo meglio. Se dovessero esserci cambiamenti vi avviserò. :)

      Elimina
  3. no è che sono brutto come un cesso e per beccare è un casino. è che subito ci davo con la chitarra. per beccare dico. che mi sono senpre trovato a suonare che gli altri beccavano. e non andava bene così. che allora ho pensato che se saprei scrivere qualcosa, forse becco. ecco il mio interesse per la scrittura che mi piace sto blog che magari potrei imparare a scrivere e finalmente becco pure io. cioè sono distante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazianuccio, ma un cesso vespasiano o una turca? C'è differenza :D

      Elimina
    2. un cesso brutto che ho sentito che però se riuscirei a scrivere poi becchi perchè alle femmine ci devi prendere prima la testa che poi ti danno il resto che è poi quello che mi interessa. lo diceva sempre un mio amico.

      Elimina
  4. chiedo scusa... sto provando un personaggio per il nuovo libro ... sgrammaticato, sopra le righe, autentico, saggio a suo modo, politically scorrect quanto basta ed anche oltre; è un po come vedo l'anziano del borgo, che non parla italiano ma è tagliente ed originale. Certo, richiede sforzo, lo sforzo di andare oltre l'etichetta, aprire il vaso, scoprire che sulla scatola ha scritto "cazzo guardi!" solo per tener lontano i perditempo. Mi piace pensare a questi personaggi indisponenti dalla duplice faccia. augh. ho detto. ciao chiara!

    RispondiElimina
  5. D'estate i ritmi cambiano, quindi è normale fare anche cambiamenti al blog, in ogni caso secondo me fai bene a spostare i giorni. Durante il week end si sta poco al pc in questo periodo, ma anche in inverno le visite calano e pubblicare sabato e domenica diventa quasi inutile.
    Per le anticipazioni, io avevo fatto una cosa simile alla tua tempo fa, con un "coming soon" sui post, che poi ho tolto dopo un certo periodo. La trovavo una cosa troppo vincolante, il bello di potersi autogestire un blog è quello di improvvisare e sorprendere se stessi e i lettori. Scrivere un blog deve restare una cosa divertente, quindi io sono per l'eliminare ciò che non lo rende tale...

    RispondiElimina
  6. PS Lo sai un cambiamento che proprio ti consiglio? Togliere i captcha!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non ho mai notato che ci fossero i captcha? Ma escono quando devi commentare? Cerco di capirne qualcosa, io commento senza dover inserire nulla... Non lo sapevo, ma li toglierò sicuramente

      Elimina
    2. Sì, vengono fuori per chi commenta dall'esterno, quindi tu non li vedi. Se non ricordo male, si tolgono nelle impostazioni.

      Elimina
    3. ok, vedo che hai già fatto :)

      Elimina
  7. Ciao grazie a te per i consigli... ma una curiosità ti funzionano nell'area admin gli aggiornamenti dei blog che segui? A me fa vedere solo l'ultimo blog aggiornato poi nulla più! uff

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche a me... però gli aggiornamenti sono mostrati correttamente sulla colonnina a destra, nella home del blog... dunque li controllo da lì

      Elimina
  8. Secondo me il bello di avere un blog è di non sentirsi vincolati in nessun modo... almeno per me è così. Un paio di linee guida che mi sono data è solamente pubblicare un post ogni settimana, e di mischiare / alternare i percorsi interni (ad esempio no a due recensioni del percorso "All'ombra dell'albero" una di seguito all'altra). Se un giorno mi sentissi "obbligata", chiuderei il blog seduta stante. Come per la scrittura, dev'essere un piacere! :-) Per quanto riguarda la grafica, ho iniziato con un modello, ma è in costante aggiornamento e cambia, fermo restando l'impronta storico-medievale. Quindi vai tranquilla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è anche per questo che vorrei togliere l'anticipazione: mi costringe a rispettare sia la data sia l'argomento. Ho intenzione di mantenere i due giorni fissi, ma mi piacerebbe avere maggiore libertà :)

      Elimina
  9. Anch'io concordo sulla possibilità di aggiustare la mira, senza obblighi. Ci sono già abbastanza doveri senza moltiplicarli! Credo che tu faccia bene a fidarti del tuo intuito nei cambiamenti organizzativi e grafici, più ancora che sugli eventuali consigli esterni. I lettori sanno che sei aperta ai suggerimenti; questo è l'importante. Poi ci sei tu. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! A me piace moltissimo creare un rapporto interattivo con i lettori, e mi fa piacere seguire dritte e consigli che servono per migliorare, se non snaturano il blog.. certo, se mi venisse chiesto di scrivere un post sui cacciabombardieri avrei qualche difficoltà :)

      Elimina
  10. Ammiro il tuo spirito di organizzazione. Io sono molto più "brada"! Buona scrittura, in ogni caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lì'ipercontrollo a volte annebbia la creatività. Per questo oggi ho deciso di pubblicare senza rispettare la programmazione (forse!) :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Letture che ispirano - La trilogia del male di Roberto Costantini

Freedom writers - il valore della scrittura di getto

Con le mani nei capelli - manuali e guest-post

La descrizione fisica dei personaggi

Scrivere un romanzo - portare a termine la prima stesura

I miei anni '90

Scripta manent - Il viaggio invisibile delle parole

La voce del Jolly #1 - Davide Laura, dalla strada alla Scala

La volontà di essere un Jolly

Il Jolly e la gassosa purpurea - la disinformazione