Storia in sei parole - Il jolly



Dopo il grande successo della Storia in sei parole a tema astrologico , io e Michele Scarparo abbiamo deciso di dare spazio a una nuova puntata del blog tour da lui ideato, e a cui hanno aderito i seguenti blogger:

Marina (Il Taccuino dello Scrittore) – Thriller paratattico
Simona (SCRITTI A PENNA) – Una storia in sei parole
Helgaldo (da dove sto scrivendo) – Acchiappami
Sandra (ilibridisandra) – Acchiappami
Lisa (de agostibus) – Una storia in sei parole
Giulia Mancini (Liberamente Giulia) – Una storia in sei parole 
Seme Nero (Semi d’inchiostro) – Thriller paratattico
Barbara Businaro(Webnauta) – Acchiappami in versione guarda che quarta
M.(Il mondo di M.) – Una storia in sei parole
Silvia (Lettore Creativo) - Thriller paratattico.

La rubrica che ho deciso di ospitare è sempre la stessa, perché mi piace molto. Michele la presenta così:

Dicono che il primo sia stato Hemingway, per vincere una scommessa: «For sale: baby shoes, never worn» (Vendesi: scarpe per neonato, mai indossate). Di sicuro sei parole sono sufficienti a dipingere una storia. Persino un romanzo. Ma sono poche, dannatamente poche, e non è facile per nulla.

L'appuntamento di oggi è dedicato a un losco individuo che sta diventando un ospite fisso di Appunti a Margine: Il Jolly. Mi raccomando: scatenate la vostra fantasia senza rimaner legati al senso comune. Se volete ispirarvi, il post “La volontà di essere un Jolly” può offrirvi qualche spunto. E se vi va di condividere le vostre storielle su Twitter, l’ hashtag di riferimento è: #laguerradeljolly.

Come al solito, comincio io:

Lui viaggia a testa alta, libero.

E voialtri Jolly, cosa avete da dire?   

Commenti

  1. Risposte
    1. La normalità è la vera malattia.

      Elimina
    2. La normalità è solo una maschera

      Elimina
    3. La maschera è figlia della paura.

      Elimina
  2. Compro cappello da jolly. Anche usato.

    RispondiElimina
  3. Caspita, devo dire che mi ritrovo parecchio (ahimè) nella definizione di Jolly...
    L'ho scritta ieri sera, per il post di stamattina, sul mio bradipismo in lettura da divano: "Che gusto c'è ad esser normali?" (però sono 7)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella! Il mio post può essere uno spunto, ma voi sbizzarritevi pure. :)

      Elimina
    2. È sciapo - il normale - nella zucca.

      Elimina
  4. E' impossibile, solo se lo pensi.

    Perchè la fantasia è considerata pazzia?

    Tutti i migliori sono inguaribilmente matti.

    La follia nella mia colorata vivacità,
    la pazzia nella loro noiosa normalità!
    (cit. Il cappellaio matto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la citazione! :)

      Io, Jolly, vi spiego la libertà.

      Elimina
  5. Gioco il Jolly e vinco sempre
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il jolly vince perché senza seme

      Elimina
    2. Il jolly È il folle seme.
      Esperienza di un folle mai integrato.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Il mio jolly si nasconde bene
    Me lo tengo stretto e vivo

    RispondiElimina
  8. Mi vesto di normalità per ingannare

    RispondiElimina
  9. La follia è la mia vera libertà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La libertà è la mia vera follia.

      Ha un bel significato anche così. :)

      Elimina
  10. Non posso essere normale, solo folle.
    In ogni modo completerò il gioco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo, la normalità non esiste. :)

      Elimina
  11. Abiti multicolori in un mondo grigio.

    RispondiElimina
  12. Ciao Chiara. :-)
    Bellissimo il tuo post sul jolly!

    Ecco le mie storielle:

    La fortuna è di chi osa.

    Non essere solo un riflesso. Rifletti.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta che ti sia piaciuto. :)

      Elimina
  13. Che buffo cappello, sembra un ombrello.
    Di follia competente, oibò, che furfante!

    Che strane rime...

    RispondiElimina
  14. Risposte
    1. Son figo, son bello, son fotomodello! :-D

      Elimina
  15. Rifletto i tuoi desideri di vittoria. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concretizzo i tuoi desideri di vittoria. :)

      Elimina
  16. Scatto - matto! -, non perdono. E tocco.

    RispondiElimina
  17. Risposte
    1. Il jolly triste vuole essere conforme.

      Elimina
  18. Perfino la scala reale mi brama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Jolly ti regala inaspettate vittorie.

      Elimina
  19. Finalmente un Jolly anche per me!

    VERONICA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che incontrarlo è meglio diventarlo. :)

      Elimina
  20. Chiara bella sei stata nominata! Passa dal mio blog *_*

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Letture che ispirano - La trilogia del male di Roberto Costantini

Freedom writers - il valore della scrittura di getto

Con le mani nei capelli - manuali e guest-post

La descrizione fisica dei personaggi

Scrivere un romanzo - portare a termine la prima stesura

I miei anni '90

La voce del Jolly #1 - Davide Laura, dalla strada alla Scala

Il Jolly e la gassosa purpurea - la disinformazione

La volontà di essere un Jolly

Scrittori a confronto - Massimiliano Riccardi e Sandra Faè