Calendario editoriale estivo.



La pausa è il miglior rifugio dalle idee confuse.

(Rachid Ouala)

Carissimi lettori,
come ho accennato qui, ho deciso di concedere a voi e a me una piccola pausa.  Mi sono infatti accorta che in questo periodo, anche se le visualizzazioni sono stabili, il numero dei commenti è diminuito.
Credo che questa situazione sia fisiologica rispetto al periodo dell’anno in cui ci troviamo: molti lettori fissi sono in vacanza e altri preferiscono uscire a cercare un po’ di fresco che non trascorrere le giornate davanti a uno schermo. Pertanto, modificando il calendario editoriale, voi avrete più tempo per leggere e commentare il post e io per dedicarmi al romanzo: trascorro più tempo a parlarne qui che non a scriverlo!
Salvo imprevisti o repentini cambi di rotta, ho deciso che l ’ aggiornamento del giovedì rimarrà fisso, mentre quello del lunedì dipenderà dalla creatività del momento e da esigenze contingenti. Potrei pubblicare eventuali guest-post, o articoletti leggeri, o lasciare la pagina bianca… staremo a vedere!

Le due settimane centrali di agosto, gli aggiornamenti saranno sospesi.
Da lunedì 31 agosto tutto riprenderà come da ormai consolidata prassi.
Ho temporeggiato a lungo prima di prendere questa decisione, per la paura che una pausa potesse spegnere il mio entusiasmo nei confronti del blog: a volte tendo a vivere le mie passioni in modo un po’ talebano, mi butto anima e corpo in ogni progetto dimenticandomi tutto il resto. Tuttavia, credo che staccare la spina possa essere utile per ravvivare la mia creatività e tornare a settembre con una nuova energia. Sono certa che la routine delle pubblicazioni mi mancherà molto e che, in questo mese e mezzo, partorirò un’idea dietro l’altra. Se perderò qualche lettore, pazienza: chi non mi vuole non mi merita.
Il mio obiettivo principale per l’estate è di premere il piede sull’acceleratore per quel che riguarda il romanzo e concentrarmi su questo progetto senza accampare scuse. Ho bisogno di risolvere alcuni dubbi, di scendere in profondità e comprendere fino in fondo il valore di ciò che sto facendo e, soprattutto, se un valore c’è davvero o se mi sto sopravvalutando. Voglio studiare molto, in questo periodo. Voglio capire meglio me stessa e la mia scrittura, anche grazie a qualche piccolo passo indietro che mi consenta di osservare il mio lavoro dall’esterno, senza giudicarmi.
Ma, soprattutto, voglio riposare un po’!
Non è stato un anno per niente facile, ma siccome prevedo l’arrivo di importanti cambiamenti è importante che io sia pronta per accoglierli. Non posso farlo se mi lascio intrappolare dalla mia mente, dall’apatia e dallo stress. Intendo camminare a testa alta verso una nuova espressione di me e, per poterlo fare, ho bisogno di essere rilassata.

Il lancio della patata bollente.
Cosa ne pensate della mia decisione? Pensate che questo stacco possa danneggiare il blog? E voi, quali progetti creativi avete per l’estate?


 

Commenti

  1. Alcune scuole di pensiero dicono che non cambia nulla a mettere in pausa il blog, altre (come la mia) dicono che il blog deve pubblicare come prima.
    In realtà non sono più molto convinto di questo, anche se io ho già programmato tutto fino a... meglio non dirlo :)
    Le visite, se non pubblichi, caleranno, ma questo può benissimo essere imputato alle vacanze dei lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia fisiologico che cadano, ma a differenza dello scorso anno adesso ho anche un bell'archivio, quindi non ci sono più dei picchi legati ai singoli aggiornamenti.
      In ogni caso, ho bisogno di questa pausa perché sono anche molto stanca, non voglio che il blog diventi un dovere, che i post siano scritti in modo automatico senza entusiasmo...
      Gli aggiornamenti si interromperanno solo nelle due settimane centrali di agosto. Per il resto, saranno solo un po' più diradati.

      P.S. Vuoi darci qualche anticipazione sul post di Natale? :-D

      Elimina
    2. Dopo l'estate puoi controllare le statistiche e vedere che è successo. Quando hai parecchi post in effetti il traffico potrebbe continuare a essere più o meno lo stesso.
      A Natale non ci sono ancora arrivato, ma mi sto impegnando :D

      Elimina
    3. Io da quando pubblico di meno ho visto aumentare le mie visite. Di parecchio anche. Dite che i miei visitatori mi staranno suggerendo qualcosa...?

      Elimina
    4. Ma le visualizzazioni dei singoli post, o le visite in generale?

      Elimina
    5. In generale. E anche dei singoli post.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Marina, ti "lovvo"! :-D
      Oggi se riesco ti scrivo per l'ennesimo consiglio ... ;)

      Elimina
  3. Dubito altamente che una pausa estiva possa danneggiare il blog, gran parte dei blogger che conosco la fa e sembra ormai una tradizione del web :) .

    Per quanto riguarda me, cercherò di mantenere almeno il post più importante, quello del martedì, fisso anche ad agosto, seppur postando forse cose più leggere e disimpegnate; forse invece verrà a cadere il secondo post settimanale, quello che ho istituito recentemente (ispirandomi in parte anche al tuo blog, anche se l'idea di base ce l'avevo già da qualche tempo ;) ). O almeno spero di riuscire a postare tutti i martedì: agosto per me è il mese di lavoro più intenso, e spero di avere qualche ritaglio di tempo in cui buttar giù due righe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo penso anche io.
      Purtroppo noi, che non curiamo il blog per professione, dobbiamo adeguarci ai nostri ritmi. Anche per me questo è un periodo di scadenze importanti per il mio lavoro. :)

      Elimina
  4. Anche io ho intenzione di ridurre a un post a settimana, poi ad agosto mando proprio in ferie il blog. Gli anni scorsi questa pausa mi è servita molto per ricaricare le idee, credo che ogni tanto sia utile staccarsi un po'. Le visite calano comunque in estate, ma in realtà è anche il periodo in cui se non pubblichi nulla di nuovo la gente "riscopre" i vecchi post. Quindi, fai benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, non escludo che la pausa possa essere estesa anche alla terza settimana di agosto, ma ci penserò. Dipenderà tutto da come mi sento. In ogni caso, qualunque decisione prenderò, terrò aggiornati i lettori. :)
      Ho letto l'email. Dovrei riuscire a risponderti entro qualche ora. :)

      Elimina
  5. buona riflessione allora
    personalmente non tengo troppo conto del numero dei commenti per scrivere o meno, perché, come spesso ho detto, la mia esigenza di scrivere sovrasta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella situazione in cui mi trovo, purtroppo, è fondamentale fare delle scelte.
      Mi sono data una scadenza per il romanzo e vorrei rispettarla. Siccome il mio lavoro divora buona parte della mia giornata, è necessario sacrificare un po' il blog. Dal momento che anche i lettori hanno meno tempo, m sembra la scelta migliore per tutti. :)

      Elimina
  6. Una piccola pausa ci vuole, così puoi andare avanti con il romanzo e ricaricare mente e spirito ;-)

    RispondiElimina
  7. Credo che continuerò a pubblicare anche ad agosto. Comunque, sì: prima la scrittura! Quindi avanti a tutto vapore col romanzo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente! :-)
      Approfitterò del tempo recuperato per dedicarmi un po' alle mie pagine!

      Elimina
  8. Se non consideri le due settimane di agosto, la tua è una pausa-non-pausa. Mi pare un buon compromesso tra la voglia di staccare e la “necessità” di rimanere attiva. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io curo molto volentieri il blog, quindi mi fa piacere mantenere un aggiornamento settimanale. Nonostante il bisogno di riposare un po', so che non sarà eccessivamente impegnativo. :)

      Elimina
  9. Dopo quattro anni di ininterrotta apertura estiva, quest'agosto per la prima volta il mio blog chiuderà per ferie. Per molto tempo ho avuto il timore che chiudere significasse abbandonare i lettori (con tutte le conseguenze del caso) ma, alla fine, ho capito che non è così.
    Chi mi segue ha imparato ormai a conoscermi e non sarà certo una vacanza a far vacillare lo "zoccolo duro" dei miei amati lettori. Magari potrei perdere qualche visita occasionale ma, pazienza... quelle si recuperano. Il tuo blog è giovane ma hai un invidiabile "zoccolo duro". Vedo un sacco di bella gente che da te commenta sistematicamente ogni singolo post, gente che evidentemente ha trovato un luogo dove si scrivono cose interessanti, un luogo che stimola la discussione e lo scambio di opinioni. Tutta questa bella gente di sicuro la ritroverai a settembre, più carica che mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione. Sono molto felice dei miei lettori. Con alcuni di loro si è creata una bella amicizia virtuale. Mi piace pensare alla pausa del blog come alla chiusura per ferie di un negozio o di un ristorante: i primi giorni di riapertura magari i clienti latitano un po', ma poi tornano! :)

      Elimina
  10. Tranquilla, è una scelta in piena linea coi trend blogghistici. Io ho esagerato con uno stop di un mese, ma tu non avrai nessuna conseguenza sulla quantità dell'audience, fidati ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anche io, ma se anche fosse non sarebbe un problema: dopo tutto, la qualità del blog dipende anche dal mio stato psicofisico. Se non sono in forma, non posso occuparmene come vorrei. :)

      Elimina
  11. Come gli anni scorsi, anch'io sospenderò le pubblicazioni dei post nel mese di agosto, ma continuerò a visitare e a commentare i blog altrui. Avendo tra l'altro finito la revisione del romanzo proprio di recente, voglio concedermi una pausa anche su quello, e che duri fino all'inizio di settembre. Sono stanca e sento il bisogno di staccare, soprattutto mentalmente.

    A settembre prenderò in mano la scrittura di un copione teatrale che spero di concludere a dicembre. Per l'anno prossimo ho già delle idee, ma si vedrà! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a stare lontano dalla scrittura per più di due o tre giorni, però il blog impone scadenze fisse e, a differenza della stesura del romanzo che è comunque libera, rischia di diventare una routine come il lavoro. Per questo è necessario prendersi un po' di ferie... :)

      Elimina
  12. Fai benissimo a staccare. Prima di tutto il romanzo, poi il blog. E' quello che mi sono imposta io, non voglio sacrificare la scrittura per il blog... pazienza se le visualizzazioni diminuiscono, la mia vita non cambia comunque. Cambierebbe, forse, se riuscissi a pubblicare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io scrivo il blog molto volentieri, ma il segreto è saper trovare l'equilibrio fra tutte le attività che si svolgono (o si vorrebbero svolgere) nel quotidiano. :)

      Elimina
  13. Con sto caldo, l'unica cosa che ho in mente è una bella bibita fresca a bordo piscina con le gambette sguazzanti nell'acqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, appunto! ;)
      Anche io mi trovo in una situazione analoga.

      Elimina
  14. Ciao Chiara, dal mio punto di vista fai benissimo. Io mi rendo conto che sono in una fase di boccheggiamento estremo, se guardo tutti i post che devo ancora leggere degli amici bloggers, probabilmente avrei bisogno di una settimana di ferie!
    Io anche staccherò. Già ieri ho preannunciato che della rubrica principale sarà la penultima uscita, cui ne seguirà una ultima che chiuderà la stagione. E poi ci si rivede a settembre per i post e le idee nuove.
    Tuttavia penso che seguirò il principio adottato l'anno scorso, riproporrò alcuni post vecchi oppure post di altri bloggers. Utilizzo la funzione programmazione, così, anche se non sono al pc, ci pensa il blog in automatico.
    Quindi, scelta assolutamente condivisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In generale, credo pubblicherò post tendenzialmente meno impegnativi sia per me sia per i lettori, perché d'estate non si ha molta voglia di pensare a cose serie. In autunno, poi, ripartirò con un nuovo spirito. :-)
      Buone vacanze!

      Elimina
  15. Riposati, divertiti, leggi, scrivi quello che ti va. Il resto verrà da solo.
    Buone vacanze!

    RispondiElimina
  16. Hai fatto la tua scelta in modo intelligente, se ritieni che sia il meglio per te. Tanto noi mica scappiamo: rimaniamo qui a leggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il fatto che voi rimaniate qui a leggermi mi fa molto piacere! :)

      Elimina
  17. Ho iniziato una pausa ancora più consistente della tua e altrettanto libera, e sono assolutamente convinta che uno stacco serva, dai blog, dal PC, dalla casa, da (quasi) tutto. Queste due settimana di libertà e di viaggio mi stanno ritemprando. Ci troveresti tutti qui, secondo me, anche se non scrivessi per qualche mese. Buona estate! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: un piccolo stacco serve. Anche la riduzione del numero di articoli settimanali, seppur apparentemente insignificante, mi sta portando un discreto beneficio. Il post per domani è già pronto: in altre circostanze, una cosa del genere, non succedeva mai! Chissà che non decida di mantenere la medesima programmazione anche a settembre...
      Buona estate a te! :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Letture che ispirano - La trilogia del male di Roberto Costantini

Freedom writers - il valore della scrittura di getto

Con le mani nei capelli - manuali e guest-post

La descrizione fisica dei personaggi

Scrivere un romanzo - portare a termine la prima stesura

I miei anni '90

Scripta manent - Il viaggio invisibile delle parole

Lo scrittore da Mc Donald - snobismi letterari e dintorni

La volontà di essere un Jolly

La voce del Jolly #1 - Davide Laura, dalla strada alla Scala